.
Annunci online

  invettiva [ Tutto ciò che proprio non mi va giù ]
 
 
         
 


Ultime cose
Il mio profilo


Blog:
ConvergenzeParallele
PoveroBucharin
Meslier
Mietzsche
Soviet
BeppeGrillo.it
LunaDiVelluto
Giuseppe
LeCoseDaDire
Blog di Luttazzi

Baol
Inestinzione
Siti d'interesse:
OpenSource
WikiPedia
Progetto GNU
La Repubblica online
Il Corriere della Sera
BBC News
Telematica per la Pace
Linea77
Modena City Ramblers
W3C
W3Schools
DistroWatch
Sito su Marco Travaglio
Disinformazione.it
Articolo21

cerca
letto 57890 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom
 


10 dicembre 2006

E' morto Pinochet, l'ex dittatore del Cile

Mi auguro che questo sia il preludio ad una settimana foriera di altrettanto belle notizie.

p.s. spero che nessuno si offenda se prendo la Domenica come giorno d'inizio della settimana.




permalink | inviato da il 10/12/2006 alle 19:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


7 dicembre 2006

Campione rappresentativo o no?

Stavo vedendo Annozero e sentivo le interviste fatte alla manifestazione di Sabato di Forza Italia e ho sentito l'impulso di dover scrivere qualcosa causa disgusto... va bene che quei pochi intervistati non sono certo rappresentativi della "popolazione" (in gergo statistisco si parlerebbe di campioni) ma, devo ammettere che questi pochi sono veramente imbarazzanti in quanto a intelligenza e capacità di ragionamento autonomo; sono capaci solo a spiattellare quello che sentono in tv e quando gli si fa qualche domanda, quando gli si chiede qualche perchè, eccoli che vanno in tilt, che si contraddicono o non sanno mettere 2 parole in fila.
Anche la vecchietta fascista... mah!

Perchè ci siamo ridotti a questo, perchè?






permalink | inviato da il 7/12/2006 alle 21:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


1 dicembre 2006

Ritiro dall'Iraq



Il 1 Dicembre torneranno a casa gli ultimi soldati dall'Iraq.
Ce ne hanno messo di tempo a prosciugare sto pozzo di petrolio quelli dell'ENI.
Bentornati a casa, soldati.




permalink | inviato da il 1/12/2006 alle 12:1 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


29 novembre 2006

Depressione caspica

Ieri la mia ragazza mi mostra una pagina internet nella quale un tizio scrive che Giovanni Lindo Ferretti si sarebbe convertito al cattolicesimo e, politicamente, al centro destra. ( Piccola parentesi: che fosse cattolico o meno non me n'è mai importato granchè, d'altra parte avevo saputo che al referendum per la fecondazione assistita si era espresso per il no con motivazioni secondo me poco sensate(per una mente come la sua), ma la fede e le convinzioni religiose sono al di là della ragione stessa, mi dissi. )
Alla lettura dell'articolo la mia prima reazione fu di rabbia verso il giornalista per non aver saputo interpretare le parole di Ferretti: "Cazzo scrive sto qui? Magari non sa manco chi sia Ferretti, solo perchè dice di non rispecchiarsi in questa sinistra non vuol dire che sia pronto a concedersi al primo che passa! Sto stronzo vuole solo creare casini!!"
Come non essere forte delle sue stesse parole?
«Post scriptum pseudo-politico: "orfano di sinistra" vuol dire che una famiglia, geneticopolitica, l'avevo. Che non l'abbia più, l'ho vista morire l'ho sepolta, non significa che sono disponibile al farmi adottare.

Ho superato la fase del lutto e del cordoglio, mi tengo disponibile se il caso per il pianto rituale.»
( http://www.giannimaroccolo.com/ita/pgr/album.htm )

Dopo nemmeno 1 minuto la mia ragazza mi passa il video della puntata di Otto e Mezzo durante la quale Ferretti avrebbe ripetuto quanto scritto nell'articolo sopra citato. Dovrò sorbirmi un programma ed un giornalista che odio, ma tutto per "amore" e per la stima che ho di Ferretti. Il discorso va avanti bello liscio, si parla di fede, di cavalli ecc ecc, Ferretti spiega di aver ritrovato la fede ma non per merito della chiesa ( e fin qui non ci trovo nulla di male ), ma anche grazie a Ferrara ( e qui non volevo credere alle mie orecchie!! Ferrara, cazzo c'entra il ciccione?! ). Già a questo punto sento un piccolo dolore al cuore ma voglio andare avanti col video, ancora non voglio credere che colui che urlava "A Ja Ljublju SSSR" abbia votato centro-destra: "il nostro Ferretti non lo farebbe certamente mai, quel giornalista è un coglione!".

La puntata si avvia al termine quando la Armeni fa la fatidica domanda:

"Lei ha detto di aver votato centro destra con soddisfazione".

Risposta: "Sì, per me è stato liberatorio, un ritorno a casa, la mia famiglia da sempre è stata antifascista e anticomunista".

"Cazzo, non può essere, Ferretti s'è rimangiato le sue stesse parole e s'è fottuto il cervello!!!".
Ho chiuso molto velocemente la pagina e sono rimasto di sasso per alcuni minuti.

Ferretti, "Io nun capisc'e vote ch'succede ma quell'che s'vede nun se crede, nun se crede"

p.s. avrei voluto scrivere qualcosa di più riflessivo e intelligente, ma non ne sono capace già normalmente, figuriamoci quando in mezzo ci sono i miei sentimenti! Affido questo arduo compito a poverobucharin, giacchè i suoi ed i miei sentimenti  si assomigliano fortemente. Tristezza paralizzante, sì, direi che ci siamo.




permalink | inviato da il 29/11/2006 alle 19:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


3 novembre 2006

Va ora in onda "Silvio contro Annozero" per il ciclo "Povero Silvio". Buona visione.



«ROMA
- Silvio Berlusconi non gradisce la trasmissione 'Annozero' di Michele Santoro - dedicata alla vicenda Mills - e chiama il presidente della Rai Claudio Petruccioli, per lamentarsi. E per criticare il fatto che il programma avrebbe rifiutato di mandare in onda una sua chiamata in diretta e una sua precisazione. E' quanto riferito oggi da Petruccioli ai consiglieri nel corso della riunione del Cda.

La vicenda - secondo quanto si apprende - ha immediatamente scatenato il dibattito in seno al Cda con i consiglieri del centrodestra Angelo Maria Petroni e Marco Staderini molto critici verso il programma di Santoro che, per altro, non avrebbero neppure visto in tv.

In particolare Staderini ha avanzato la richiesta di una ricognizione sul contenzioso legale, ovvero sulle citazioni per diffamazione, di "Annozero" ma anche di "Report", già oggetto di critiche dei consiglieri della Cdl nelle passate riunioni del consiglio di amministrazione Rai.»


Povero Silviooooo, ce l'hanno tutti con lui e non lo fanno parlare!!!
Mi chiedo come si possa essere critici verso un qualcosa che nemmeno si conosce o si ha visto.
Boh vabè, i soliti comportamenti prepotenti di Berlusconi e dei suoi servi/lecchini.
Devo ammettere che mi manca un pò il Santoro che teneva tutti per le palle; ora pare un pulcino impaurito.

Provaci ancora, Silvio!

p.s. ConvergenzeParallele c'aveva azzeccato ieri mentre guardavamo la trasmissione... veggente lei o prevedibile lui?




permalink | inviato da il 3/11/2006 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


31 ottobre 2006

Il miserabile fallimento della politica

«Mediaset, processo per Mills e Berlusconi

"Corruzione in atti giudiziari"»


«IL RAPPORTO DELLA FAO DIECI ANNI FA 185 CAPI DI STATO PRESERO L’IMPEGNO DI DIMEZZARE IL NUMERO DEGLI AFFAMATI CHE INVECE AUMENTA DI 4 MILIONI L’ANNO

Fame, il mondo ha fallito»

«CLIMA: BLAIR AL MONDO, AGIAMO O SARA' CATASTROFE»
«BLAIR: "SIAMO DIRETTI VERSO UNA CATASTROFE CLIMATICA"»



Un bel quadretto, sia italiano che mondiale, del lavoro prodotto dalla politica.
Un bel quadretto da cui si deduce immediatamente che i politici hanno fallito in maniera vergognosa, il significato stesso di politica è stato svuotato, la democrazia rappresentativa ha fallito miseramente il suo obbiettivo.
Per di piu', quando leggo notizie come «MAFIA, SEQUESTRATI BENI PER 104 MILIONI NEL PALERMITANO» e «
Catania, procura al collasso. Abbiamo chiesto aiuto alla procura nazionale antimafia: ci hanno mandato 20 ticket benzina da 10 euro» , mi viene ancora piu' voglia di vomitare.
Mettiamo ogni giorno la nostra vita, il nostro futuro, nelle loro mani, ma la verita' e' che per questa miserabile gentaglia, ormai divenuta una casta sociale intoccabile, ci vorrebbe solo tanto lavoro  vero, con fatica e sudore annessi. Questa gentaglia ha perso di vista il senso delle piccole cose, della realta' e del principio ispiratore della politica: il bene del popolo e del mondo piu' in generale.
Il problema e' quindi quello della figura del politico come lavoro anziche' come IMPEGNO ( e lo scrivo tutto maiuscolo appositamente ) per una causa comune.
Ebbene, se proprio non ci riesce di interpretare il ruolo del politico in maniera corretta, allora perche' non eliminare alla radice la possibilita' di fare il politico come lavoro ponendo un numero massimo, 2 per esempio, di volte nelle quali e' possibile ricoprire una carica politica qualsiasi, oltre il quale viene preclusa la possibilita' di ricandidarsi? Al tempo stesso andrebbero ovviamente eliminati in toto i privilegi di cui i politici godono ed andrebbero decurtati in maniera pesante gli stipendi, introducendo pesanti norme contro i vari conflitti d'interesse esistenti.
Vogliamo scommettere che i vari Berlusconi, D'Alema, Fassino, Fini, Casini non si sarebbero mai presentati a queste condizioni?
Per ora ci teniamo lo schifo, ben conscio che nessun politico si decurterebbe mai alcunche', figuriamoci se si auto-firmerebbe mai il licenziamento...





permalink | inviato da il 31/10/2006 alle 17:22 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


17 ottobre 2006

Cresceranno i fisici a Libero

Il Nobel per la fisica? Lo meritava Ratzinger di ANTONIO SOCCI
Gli Accademici di Svezia (forse) non lo sanno e nessuno sui media se n'è accorto, ma aver dato quest'anno il Nobel per la fisica a Mather e Smoot per la famosa "fotografia del Big Bang" (hanno cioè misurato la radiazione cosmica di fondo), significa indirettamente "premiare" papa Ratzinger per l'esplosivo discorso di Ratisbona e addirittura concordare con il famigerato Manuele Paleologo. Paradossalmente (ma non tanto) oggi è la fisica moderna - e innanzitutto il suo pilastro, Albert Einstein - a dare la conferma più clamorosa alle parole del Paleologo citate dal Papa. L'imperatore bizantino - com'è noto - contestava all'intellettuale islamico «la conversione mediante la violenza», ma qui non ci interessa tanto questa polemica quanto la precedente discussione teologica. Ecco la due posizioni. «Per la dottrina musulmana Dio è assolutamente trascendente. La sua volontà» spiega Ratzinger «non è legata a nessuna delle nostre categorie, fosse anche quella della ragionevolezza». Invece per il Paleologo e per i cristiani è vero quanto annuncia il Vangelo di S. Giovanni: «In principio era il logos e il logos è Dio». Cioè Dio agisce, crea il mondo, con il logos (che significa ragione e parola). Per questo il cosmo è conoscibile alla mente umana che ne scopre le leggi razionali. L'affermazione centrale di Manuele II che Ratzinger ha fatto propria è questa: «Non agire secondo ragione è contrario alla natura di Dio». ) sono Dio non gioca ai dadi Se volessimo fare un salto di secoli troveremmo lo stesso identico concetto del Paleologo formulato da Albert Einstein: «Dio non gioca ai dadi». È la battuta con cui il grande fisico si contrapponeva a una certa concezione della fisica quantistica, quella di Niels Bohr e altri, per i quali la «mirabile struttura della realtà» svaniva, come i suoi nessi di causa ed effetto, la sua razionalità e alla lunga gli stessi concetti univoci di "essere" e di "conoscenza". Continua...
(Fonte www.libero-news.it)

Se non avessi letto questo post di baol mi sarei perso una chicca di questa portata!
Non sono così folle ( in termini positivi ovviamente, parlando di uno come baol )da leggere Libero solo per trarne spunti  ironici!
Poveri noi se tante stupidaggini possono essere scritte su un quotidiano nazionale.
Cioè, hanno confermato l'esistenza della radiazione di fondo e con quella l'avvenuta esplosione primordiale chiamata Big-Bang ( che si suppone abbia creato l'universo, anche  se non è chiaro se sia stata la prima esplosione o se sia stata generata a sua volta ), confermando che l'universo è vecchio, almeno 11 miliardi di anni e, il noto fisico Socci ci dice che il nobel per la fisica meritava di essere attribuito al Papa? Il motivo? Eccolo: «
Per questo il cosmo è conoscibile alla mente umana che ne scopre le leggi razionali». Gli uomini, facendo uso del loro cervello, smontano una per una le falsità scritte nella Bibbia e propinate dalla Chiesa sulla genesi della vita umana, della Terra e dell'universo e Socci ci viene a dire che il nobel andava al Papa?
Delle due l'una: o Socci non è poi sto gran fisico  ( probabile ) oppure gli articoli su Libero li scrive un programma che assembla parole a caso ( altrettanto probabile ).
Tira un dado: se esce da 1 a 3, è la prima, da 4 a 6 è la seconda.
Insomma, non si potrà giocare a dadi per stabilire le regole su cui si fonda la natura, ma per stabilire le competenze di certuni giornalisti sì può benissimo fare.
Il nobel per la fisica a Ratzinger ahahahaahahah, ahahahah, ahah, ah.....

p.s. Sono tornato. Non in maniera stabile, ma è già un inizio.




permalink | inviato da il 17/10/2006 alle 17:58 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (7) | Versione per la stampa


6 settembre 2006

La SIAE, un "tumore" da eliminare

Volevano ringraziare con la musica le famiglie che li avevano ospitati. Ma per l´ispettore hanno violato i diritti d´autore
Blitz della Siae alla festa multati i bimbi di Cernobyl


La Siae ha fatto una multa di 205 euro a 14 bambini di Chernobyl per violazione del diritto d´autore. I piccoli, di età compresa tra i 7 e 12 anni, avevano preparato un piccolo spettacolo per dire grazie alle famiglie da cui erano stati ospitati. Con una canzone in bielorusso. Le piccole casse di un computer portatile diffondevano una canzone popolare. E loro, sulla base musicale, avevano iniziato a cantare le prime strofe per salutare le persone che si erano prese cura di loro per quasi un mese.
I bambini per tutto agosto sono stati ospiti di 14 famiglie di Noci e Martina Franca che hanno aderito al progetto di solidarietà di Legambiente. Domenica 27 era il giorno dei saluti. La Società operaia ha prestato gratuitamente il suo locale nel centro storico di Martina Franca. E lì si sono trovati tutti insieme per l´ultima volta i bambini bielorussi, le loro "famiglie" italiane e tutti quelli a cui i bambini volevano dire grazie. Una sessantina di persone in tutto quelli presenti alla festicciola improvvisata. Del tipo: ognuno porta una cosa. Poi i bambini, che da giorni si organizzavano con le due accompagnatrici, hanno indossato abiti buffi fatti di carta igienica e piatti di plastica e dalle casse del portatile era partita la musica.
Mentre i bambini cantavano "Viva la gente" e un brano popolare bielorusso, nel locale della Società operaia si è affacciato un estraneo che poi si è presentato come «dottor Francesco Disanto, titolare dell´ufficio Siae di Martina Franca». È arrivato lì, di domenica sera, perché nessuno dei bambini bielorussi aveva chiesto l´autorizzazione a esibirsi alla Società italiana degli autori e editori. «Abbiamo cercato tranquillamente di spiegare che la festa era stata improvvisata alla buona - spiega Michele Massafra, referente territoriale dell´iniziativa benefica - e soprattutto gli abbiamo fatto presente che quella era la nostra serata dei saluti e i bambini avevano pensato di farci questa sorpresa». Ma Disanto non ha ammesso ragioni. Nel verbale arrivato il giorno dopo per raccomandata alla sede della società operaia per oggetto c´è scritto: «Tutela del diritto d´autore, manifestazione per bambini "Progetto accoglienza di Chernobyl" con esecuzioni musicali».
Per il titolare dell´ufficio Siae di Martina Franca i bambini bielorussi avevano violato l´articolo 17 della legge numero 633 del 1941. Il reato che gli è stato contestato è quello di esecuzioni di opera di ingegno senza preventiva autorizzazione dell´autore. Bielorusso. «Una decisione sconcertante - denuncia Angela Lobefaro responsabile pugliese di Legambiente Solidarietà - soprattutto a conclusione di una meravigliosa esperienza . Vorrà dire che la Siae si terrà i soldi e noi, nella mente, l´indelebile ricordo dei sorrisi di quei bambini». (Font: www.espresso.repubblica.it)


Ecco lo schifo di quest'organo ormai senza senso, ecco un altro bell'esempio di meschinità e tristezza.
Uno spunto per le prossime liberalizzazioni(se ma ce ne  saranno): riformare il sistema dei diritti d'autore, eliminando la legge Urbani ed eliminando completamente la SIAE, così che gli artisti possano avere finalmente il giusto controllo sui loro diritti e sui loro compensi.
Per quanto riguarda la notizia, uno schifo, uno schifo.




permalink | inviato da il 6/9/2006 alle 13:24 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (5) | Versione per la stampa


4 settembre 2006

Addio, Steve.



Biografia: http://it.wikipedia.org/wiki/Steve_Irwin




permalink | inviato da il 4/9/2006 alle 10:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 agosto 2006

Per far sì che tutto cambi, basta non cambiare nulla.

Sì, lo so che la celebre frase non è proprio così, ma questo viene in mente a leggere le parole del ministro della difesa Parisi.

SISMI: PARISI, PREZIOSO IL LAVORO DI POLLARI

Il governo conferma la fiducia a Nicolo' Pollari, il direttore del Sismi finito sotto inchiesta per il rapimento di Abu Omar. Lo dice il ministro della difesa, Arturo Parisi, all'Espresso. "Quello che il governo conferma - dice Parisi - e' anzitutto il riconoscimento del ruolo determinante dell'intelligence per la sicurezza del paese, imprescindibile soprattutto nelle operazioni di peace keeping, e l'apprezzamento del prezioso lavoro svolto dal Sismi. Certo, un apprezzamento non scindibile da quello per le persone che lo svolgono e per chi ne e' alla guida". (fonte: www.repubblica.it)


E' questo uno dei tanto decantati(paventati) segnali di discontinuità?
E Pollari è stato sì prezioso, ma per chi?




permalink | inviato da il 31/8/2006 alle 13:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa

sfoglia     novembre       

Basta! Parlamento pulito

Onorevoli condannati!